Home / MOTORI / F1 / F1, RISULTATI GP CINA 2018 : VINCE UN IMMENSO DANIEL RICCIARDO! KIMI E’ TERZO. DISASTRO VETTEL.
Daniiel Ricciardo festeggia un successo straordinario al GP Cina 2018. (Foto: twitter.com/F1)

F1, RISULTATI GP CINA 2018 : VINCE UN IMMENSO DANIEL RICCIARDO! KIMI E’ TERZO. DISASTRO VETTEL.

SHANGAI, 15 APRILE 2018

F1, RISULTATI GP CINA 2018 : Vince un immenso Daniel Ricciardo. L’australiano, con grande merito suo e della strategia perfetta del box Red Bull, sfrutta una safety car per andare all’attacco di tutti e vincere dopo 5 sorpassi, uno dopo l’altro, da stropicciarsi gli occhi. Incredibile destino per Ricciardo rimesso in pista in extremis ieri nel Q1, dopo un guasto alla power-unit. Un Verstappen indecente rischia il botto con Hamilton (anonima la gara del campione del mondo) e centra Vettel, distruggendo i sogni di podio del tedesco. Raikkonen, penalizzato dalla manovra di Vettel al via e in difficoltà per quasi tutta la gara, risale in silenzio fino al terzo posto ad un passo da Bottas secondo.

VETTEL MANTIENE IL COMANDO DI PREPOTENZA

SEMAFORO SPENTO – Al via le Ferrari scattano bene, Raikkonen meglio di Vettel. Il tedesco, vedendosi affiancato dal compagno di squadra, lo chiude con una manovra piuttosto sconsiderata (che ricorda molto Singapore 2017). Solo il buonsenso di Iceman evita un problema per le Rosse ma gli costa la posizione, con Bottas che riesce a sopravanzarlo. Da dietro risale prepotentemente Verstappen che, con gomma ultrasoft, infila prima Hamilton e poi anche Raikkonen, piazzandosi al terzo posto. Le due Renault sono le prime inseguitrici tallonate dalle Haas e da Alonso. Nelle retrovie precipitano in fondo al gruppo le Toro Rosso (ben lontane dai fasti del Bahrein).

La partenza del GP Cina 2018. (Foto: twitter.com/F1)

VETTEL VOLA, KIMI E LEWIS NO – Davanti Sebastian Vettel mette circa tre secondi tra se e Bottas mentre Verstappen li segue ad oltre cinque secondi di distacco dal finlandese della Mercedes. Raikkonen e Hamilton intanto continuano a non avere ritmo e a faticare, così come Ricciardo, in quarta, quinta e sesta posizione. Dietro i primi sei un vuoto di quasi venti secondi prima di trovare Magnussen che, dopo la sosta delle Renault, si ritrova ad essere il “primo dei secondi”.

LA SAFETY CAR “RIMEDIA” ALLA FOLLE STRATEGIA FERRARI

FERRARI STRATEGIA NO – Il primo team di testa a effettuare la sosta è Red Bull con un pit stop in contemporanea per entrambi i piloti. Reagisce immediatamente il box Mercedes che richiama entrambi i piloti mentre Ferrari resta inspiegabilmente a guardare. Arriva il primo colpo di scena del GP. Vettel rientra solo al 21 giro e viene beffato da Bottas che lo supera grazie all’undercut. Per Raikkonen, invece la situazione è anche peggiore. Iceman viene completamente abbandonato a se stesso e ad una strategia inspiegabile col solo, solito scopo di aspettare Bottas e rallentarlo. Al giro 28 Il pilota Mercedes aggancia e supera Raikkonen che finalmente viene richiamato ai box ma la sua gara è ormai compromessa rientrando in sesta posizione.

Bottas passa Vettel dopo il pit stop. (Foto: twitter.com/F1)

DISASTRO GASLY – Giro 32 Gasly completa un weekend disastroso centrando Hartley in staccata. I detriti riempiono il tornantino e la direzione gara è costretta a mettere in pista la Safety Car. I più reattivi a sfruttare la situazione sono nuovamente i due della Red Bull che rientrano a montare gomma gialla. Raikkonen sfrutta il momento per rientrare nel gruppo di testa. Nessuno stop per Vettel e le due Mercedes che restano su gomma usata. Dopo quattro giri dietro la Safety Car riprende la lotta.

RIMONTA RED BULLRaikkonen deve subire il sorpasso di Ricciardo che sfrutta la gomma più prestazionale per prendersi la posizione. Verstappen prova ad attaccare a sua volta Hamilton ma Lewis gli fa assaggiare un po’ della sua stessa medicina. Max affianca il quattro volte campione del mondo in curva 6 ma il pilota Mercedes allarga la traiettoria e lo spinge fuori pista. Ricciardo nel frattempo ci ha preso gusto e passa anche Hamilton. La Red Bull su gomma gialla è ora incontenibile e anche Verstappen ci riprova su Hamilton che questa volta nulla può per fermarlo.

Verstappen centra Vettel con un manovra folle al tornantino. (Foto: twitter.com/F1)

ONE MAN SHOW RICCIARDO! VERSTAPPEN PERICOLO PUBBLICO

RICCIARDO INCONTENIBILE – Giro 43 Daniel Ricciardo arriva come un temporale estivo su Vettel e lo passa in staccata al tornante. manovra perfetta dell’australiano che sente profumo di vittoria e si mette alla caccia di Bottas. Verstappen mette nel mirino Sebastian Vettel e l’attacco che sembra inevitabile in effetti arriva. Giro 44 Max Verstappen entra in modalità “Play Station” e gioca agli autoscontri con Vettel tentando un sorpasso impossibile al tornantino. L’olandese centra il tedesco della Ferrari ed entrambi vanno in testacoda. Raikkonen e Hamilton ringraziano e passano i due, ma il gesto del pilota Red Bull è inaccettabile (sebbene gli costi soltanto 10 secondi di penalità). Un giro più tardi è nuovamente Ricciardo show. L’australiano, che nel frattempo ha agganciato Bottas, attacca la testa della corsa e se la prende con un’altra manovra super! Red Bull al comando e carte completamente rimescolate nell’arco di dieci giri.

RED BULL, STELLE E STALLE! – A tre giri dal termine Raikkonen è incollato agli scarichi della Mercedes di Bottas ma fatica ad attaccarlo. Verstappen intanto passa Hamilton e avvicina i due finlandesi in lotta per la seconda posizione, sebbene non sia della partita a causa dei dieci secondi di penalità a suo carico. Alonso aggancia Vettel in crisi a causa del colpo subito da Verstappen e precipitato in settima posizione. Lo spagnolo non risparmia un'”entrataccia” sul tedesco e si prende la posizione. Davanti si entra nell’ultimo giro. Raikkonen ci prova fino alla fine ma Bottas regge l’urto. Ricciardo vince una gara pazzesca davanti al duo finlandese, con Bottas a precedere Raikkonen. Incubo Hamilton solo quinto. Va ancora peggio a Vettel addirittura ottavo.

Ricciardo vince il GP Cina 2018. (Foto: twitter.com/F1)

Gara dai mille colpi di scena. Ferrari ancora una volta dominante in qualifica ma avvicinata in gara. A Maranello servirà meditare sulle strategie imbarazzanti messe in pista qui a Shangai. Mercedes vicina al successo con Bottas ma alle prese con il fantasma di Lewis Hamilton, ancora una volta inconsistente. Red Bull rediviva con una strategia intelligente ed un immenso Ricciardo, talento vero. Nota sul registro per Max Verstappen inaccettabile, che inscena l’ennesima sciocchezza di un inizio stagione imbarazzante distruggendo la gara di Vettel, dopo averci provato con Hamilton. Peggio dell’olandese solo la direzione gara che lo penalizza di soli 10 secondi, nemmeno utili a metterlo dietro a Vettel, vittima della foga del pilota Red Bull.

La classifica del GP Cina 2018. (Immagine: twitter.com/F1)

 

About Simone Fantini

Laureato in Comunicazione Media e Pubblicità, con un debole per i sigari cubani, il carattere forte dei distillati e il rock dei Pink Floyd. Da sempre innamorato dell'adrenalina del Motorsport, Formula 1 in testa, dell'eleganza del tennis e del bel calcio...

leggi anche

F1, QUALIFICHE GP CINA 2018 : PRIMA FILA TUTTA FERRARI, VETTEL IN POLE PER UN SOFFIO

SHANGAI, 14 APRILE 2018 F1, QUALIFICHE GP CINA 2018 – Qualifiche tiratissime quelle del GP …