Home / BASKET / Pallacanestro Serie A, si scaldano i motori

Pallacanestro Serie A, si scaldano i motori

Pallacanestro Serie A: le modifiche più importanti nei roster delle contendenti al titolo per il 2017-2018. Dai campioni d’italia alla neopromossa Bologna.

Ci siamo lasciati, nella scorsa stagione della Serie A di basket, con una storica vittoria della Reyer Venezia in gara in finale scudetto. Ormai archiviata la stagione passata della pallacanestro di serie A andiamo a vedere come le contendenti al titolo del 2018 si sono trasformate e rinforzate.

Un campionato che vede la solita Armani Jeans Milano partire sicuramente favorita ma le altre contendenti assolutamente in grado di opporsi per l’ennesima stagione alle scarpette rosse milanesi.

Obbligatorio partire dalla regina di categoria per il 2017 la Reyer Venezia che conferma ovviamente il coach Walter De Raffaele che avrà a disposizione un roster quasi rivoluzionato: confermati il playmaker Heyns e le due ali Bramos e Peric per quanto riguarda la stirting five; inseriti in quest’ultima la guardia Johnson proveniente da Varese, che l’anno scorso ha chiuso la stagione con 17.9 punti di media, e il lungo Watt che porta in dote dalla ormai compianta Juve Caserta i suoi 14 punti e 9 rimbalzi di media.

Panchina di tutto rispetto per la Reyer che inserisce De Nicolao, Cerella, il nazionale Biligha e conferma il capitano Ress e il giovane Tonut. Sicuramente formazione da inserire tra le contendenti allo scudetto che porterà con orgoglio cucito sulla propria divisa per questa stagione.

Importanti cambiamenti anche per la Dolomiti Energia Trentino che inserisce 3 nuovi elementi nel suo quintetto base: il play Gutierrez proveniente dal Trabzonspor militante nel campionato turco, l’ala Silins proveniente da Bonn e il lungo Behanan che arriva con i suoi 8.7 punti di media dal Salt Lake City Star formazione della d-league americana. confermati invece il giovane bergamasco Flaccadori e l’ala Sutton.

Dalla panchina partiranno ancora il play Forray e il nazionale Baldi Rossi. Cambiamenti importanti dunque che andranno valutati dopo qualche giornata di campionato, sicuramente sarà necessario del tempo a coach Buscaglia per far entrare tutti al meglio all’interno del sistema di Trento.

Rivoluzione invece in casa Milanese che richiama nel bel paese a guidare la propria formazione l’allenatore che tanti titoli tolse a Milano con l’ormai storica Mens Sana Siena: Simone Pianigiani. Cambiato per gran parte il roster che vede ben 9 nuovi acquisti e 5 conferme, tra le new entry da segnalare Theodore in regia con 18 di media la scorsa stagione nel Banvit, Goudelock dal Maccabi Telaviv con 15 di media, Micov dal Galatasaray, Jefferson che si presenta con 29 di media dalla lontana Alaska Acese e Bertans dal Darussafaka. Confermati invece Cinciarini Kalnietis e Dragic. Roster come ogni anno di primissimo livello. Vedremo se Pianigiani sarà capace di aprire un nuovo ciclo vincente in italia con la nuova Armani Jeans.

Pronte ad approfittare di eventuali errori del super team milanese ci sono l’Avellino di Pino Sacripanti, mina vagante del campionato visti i tanti nuovi arrivi, Il Banco di Sardegna Sassari di coach Pasquini, e la Grissin Bon Reggio Emilia che ritrova anche per quest’anno coach Menetti e lo sponsor ormai storico della Grissin Bon.

A seguire la The Flexx Pistoia guidata quest’anno dall’atletismo e dai punti sicuri di Sanadze e dalla regia di Moor ancora playmaker di coach Esposito; La Betland Capo d’Orlando di coach Gennaro Di Carlo, la New Basket Brindisi affidata quest’anno al nuovo coach Sandro Dell’Agnello.

Molti i confermati invece per la Germani Basket Brescia come Landry reduce da una stagione da 19 punti di media e 4 rimbalzi a partita. Piccola rivoluzione anche in casa della Fiat Torino che porta sulla sua panchina l’ex assistente di Simone Pianigiani e ex allenatore di Milano: Luca Banchi. Tra i giocatori una presenza di lusso proveniente dai New York Knicks ed ex laker compagno di squadra di Kobe Bryant: Sasha Vujacic

Da valutare invece la situazione della Openjobs Varese affidata ancora a coach Attilio Caja che ha subito chiesto alla sua squadra duro lavoro e spirito di sacrificio per poter tenere il passo con le squadre più importanti; La Red October Cantù che in queste ultime settimane ha avuto non pochi problemi al suo interno tanto da portare la tifoseria più fedele come quella degli “Eagles” a mettersi in aperta polemica con la dirigenza a causa della gestione della società non del tutto ortodossa soprattutto per quanto riguarda il prezzo degli abbonamenti.

Stessa situazione leggermente incerta per la Consultinvest Pesaro di coach Spiro Leka che deve ancora ultimare il proprio roster per poter partecipare al meglio al prossimo campionato.

Menzione speciale per le due neo promosse: La Segafredo Virtus Bologna che torna nel basket che conta dopo aver vinto una splendida serie finale di A2 contro Trieste e la ripescata Vanoli Cremona. Entrambe le società hanno cercato di allestire un roster e uno staff capace di dare fin da subito soddisfazioni, da segnalare infatti in casa bolognese il ritorno in Italia di Alessandro Gentile affiancato dalla guardia nazionale Pietro Aradori. Per la Vanoli Cremona invece presenza importante sulla panchina: Romeo Sacchetti futuro c.t. Della nazionale Italiana.

Queste le partecipanti al campionato di Serie A per il 2017-2018 che si spera potrà regalare tante emozioni e soddisfazioni ai tifosi di questo sport. che possa tornare ad attrarre sempre più giovani atleti. Abbiamo bisogno di nuovo interesse, abbiamo bisogno di nuove squadre vincenti anche in europa, abbiamo bisogno di un rilancio immediato di tutto il movimento cestistico italiano, e il traino non può che essere la massima serie della nostra pallacanestro. Bentornata Serie A!

About Davide Colleoni

leggi anche

Basket, Europei: La prima volta della Slovenia!

E’ stata la squadra migliore di questi Europei di basket ed ha meritatamente vinto il …