Home / MOTORI / SBK Magny-Cours 2017 gara-1: Rea (stra)vince gara e titolo
Oggi, vincendo gara-1, Johnny Rea ha conquistato il titolo mondiale con cinque turni di anticipo (photos.worldsbk.com)

SBK Magny-Cours 2017 gara-1: Rea (stra)vince gara e titolo

Magny-Cours Jonathan Rea vince gara-1 e porta a casa il terzo titolo mondiale di SBK consecutivo. Bene Melandri, secondo, all’undicesimo podio stagionale.

Dopo aver dominato i tre turni di libere e conquistato la superpole a Magny-Cours, stravince il pilota Kawasaki. Marco Melandri è, invece, protagonista di una rimonta da manuale che lo fa salire sul secondo gradino del podio

Jonathan Rea a Magny-Cours non poteva fare di meglio: il migliore nelle libere, pole position da dominatore, partenza a fionda e gara senza storia. E, come se non bastasse, primo gradino del podio e conquista del terzo titolo mondiale consecutivo con 5 turni di anticipo. A separarlo dal compagno di scuderia, Tom Sykes, sono ben 129 punti. Irraggiungibili. La sua Kawasaki ha cannibalizzato il Mondiale di Superbike e la sua classe non è praticamente mai stata messa in discussione. «Quando ero piccolo sognavo di vincere un mondiale e quando ci sono riuscito ho capito che tutti i sacrifici che abbiamo fatto io e i miei genitori erano valsi la pena. Ma vincerne due e poi tre di fila è qualcosa che non avevo mai nemmeno sognato», ha detto poco dopo la vittoria.

Ma vediamo come è andata tra curve e curvone del circuto francese.

Johnny prende subito il largo

A Magny-Cours partenza da copione con Rea neanche svolta due curve e prende il largo, iniziando a dettare il passo. Cinque giri e la gara è già finita. Dietro il leader del Mondiale si porta subito la Ducati di Chaz Davies, che beffa la Kawasaki di Sykes e l’Aprilia di Leandro Mercado, entrambi partiti dalla prima fila con Rea.
Mentre il nordirlandese vola (arriverà alla bandiera a scacchi con bel sedici secondi di vantaggio), alle sue spalle si svolge, forse, la “vera” competizione. Primo sussulto: la Yamaha di Michael Van der Mark che si sdraia sulla pista e viene centrata dalla Ducati di Xavi Forés. Entrambi riescono comunque a risalire in sella con il primo che taglierà il traguardo nono, il secondo ventesimo. Altro sussulto con Sykes che, nel frattempo, restituisce il sorpasso a Davies, riprendendosi la seconda posizione. Il pilota della Panigale, però, complice l’asfalto bagnato, perde il feeling con la sua Rossa e, dopo una serie di errori, scivola in decima posizione.

Melandri da manuale

Non appena l’asfalto inizia ad asciugarsi, Marco Melandri lap after lap risale dal dodicesimo fino al terzo posto: la sua è una rimonta da brivido che infila uno dietro l’altro tutti i piloti . E, dopo un sostenuto corpo a corpo con la numero sessantasei di Sykes, gli strappa il secondo posto e porta a casa l’undicesimo podio di stagione. Nonostante il record della gara all’ultimo passaggio con 1.52″769, però, è costretto ad accontentarsi di annusare gli scarichi dell’irraggiungibile Rea.

Italia niente male

In generale gara-1 di Magny-Cours si è rivelata favorevole ai nostri colori. Oltre al secondo posto di Melandi, la MV Agusta di Leon Camier centra il quarto posto per la seconda volta consecutiva dopo quello in gara-1 di Portimão, davanti alla Yamaha di Alexander Lowes e alle Aprilia di Eugene Laverty e Leandro Mercado. Finisce invece ottavo, Davide Giugliano, che riesce a far entrare la sua alata nella top 10.

SBK Magny-Cours gara-1: ordine di arrivo

1. Jonathan Rea – Kawasaki ZX-10RR
2. Marco Melandri – Ducati Panigale R: +16.316
3. Tom Sykes – KAwasaki ZX-10RR: +16.666
4. Leon Camier – MV Agusta 1000 F4: +22.133
5. Alex Lowes – Yamaha YZF R1: +41.210
6. Eugene Laverty – Aprilia RSV4 RF: +1.02.101
7. Leandro Mercado – IODARacing: +1.02.281
8. Davide Giuliano – Red Bull Honda World Superbike Team: +1.05.775
9. Michael Van Der Mark – Yamaha YZF R1: +1.09.271
10. Chaz Davies – Ducati Panigale R: +1.17.429
11. Lorenzo Savadori – Aprilia RSV4 RF: +1.30.889
12. Román Ramos – Kawasaki ZX-10RR: +1.39.111
13. Raffaele De Rosa – BMW S 1000 RR: +1.40.891
14. Jordi Torres – BMW S 1000 RR.: +1.54.311
15. Riccardo Russo – Kawasaki ZX-10RR: 1 giro
16. Ondrej Jezek – Kawasaki ZX-10RR: 1 giro
17. Alessandro Andreozzi – Yamaha YZF R1: 1 giro
18. Anthony West – Kawasaki ZX-10RR: 1 giro

Domani, domenica 1 ottobre alle 13 gara-2: sarà di nuovo Rea (già celebrato con un tweet ufficiale dalla Kawasaki) contro tutti?

About Belardelli-Mulas

Lauretta Belardelli e Armando Mulas. Lei la penna, per professione; lui l'idea, per passione. Coppia nella vita e, ora, anche sul web con l'obiettivo di scrivere sul mondo delle due ruote e, soprattutto, sul maggiore dei suoi Campionati. Nel cuore il Dottor Rossi, le Ducati e la promessa Zarco. Ma anche Viñales...

leggi anche

F1, GP Brasile, Risultati Gara: Vettel torna al successo a Interlagos, Raikkonen terzo

F1, GP Brasile, Risultati Gara: Ci si attendeva una gara aperta ad Interlagos e così …