Home / HISTORY SPORT / 70 anni, 7 gol: il 5 febbraio 1950 il Milan travolgeva la Juventus
© Silvio Durante/LaPresse Archivio storico 12-11-1950 Torino Stadio Comunale Sport Calcio Juventus-Torino CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO JUVENTUS-TORINO 4 a 1 Nella foto: Parata di VIOLA su NAY e CARAPELLESE Neg 2547

70 anni, 7 gol: il 5 febbraio 1950 il Milan travolgeva la Juventus

Settant’anni fa la goleada del Milan al Comunale contro i bianconeri. Il Gre-No-Li grande protagonista. Parola espulso, e a Torino gli abitanti possono vedere la partita in tv

di Stefano Ravaglia

Fu la prima partita tramessa in diretta televisiva. E fa ridere a dirlo oggi. Era il 5 febbraio 1950 e in un Comunale strapieno e desideroso di football dopo le ferite ancora fresche della guerra, andava in scena Juventus-Milan, già grande classica italiana.

Ma la ferita più grande a Torino, in quel tempo, era l’incidente del Grande Torino, perito a Superga pochi mesi prima. E proprio nel settembre di quel 1949, in via sperimentale, erano cominciate le prime trasmissioni, ma il debutto ufficiale avverrà soltanto il 3 gennaio 1954 con la “Domenica Sportiva” come prima trasmissione del primo canale Rai. Nello stesso anno verranno anche trasmessi i Mondiali in Svezia.

In quell’inverno di settant’anni fa, sia rossoneri che bianconeri vivono però una lunga astinenza da vittorie: alla Juventus lo scudetto manca dalla cinquina 1930-35, al Milan addirittura dalla notte dei tempi, ossia dal 1907 quando nel club scorrazzava ancora il fondatore di Nottingham, Herbert Kilpin. A Milano però, nel frattempo, sono sbarcati gli svedesi che insieme agli olandesi e ai brasiliani di tanti decenni dopo, costituiranno una “hall of fame niente male”. Gren, il professore, Nordhal, il pompiere, Liedholm, il barone, ovvero potenza, classe e fantasia al potere.

Si scatenano tutti in quel pomeriggio torinese, dove gli abitanti della città sono gli unici spettatori televisivi dell’evento, a dire il vero, perché i ripetitori erano stati installati solo a Torino. La Juventus, che in campo schiera la bandiera Boniperti, il Piccinini padre del telecronista Sandro e il famoso Carlo Parola che diede la copertina all’album dei calciatori con una sua proverbiale rovesciata, passa in vantaggio con Hansen, poi arriva la valanga milanista: tripletta di Nordhal, reti di Gren e Liedholm e a chiudere Burini e Candiani per il definitivo 7-1.

Il pionieristico telecronista è Carlo Bacarelli, scomparso nel 2010:

“C’era il problema tecnico di prolungare i cavi – raccontò Bacarelli – facemmo due esperimenti: la sfilata di Carnevale in piazza Madama con le telecamere montate in alto sulle scale dei pompieri in modo da inquadrare via Po; la ripresa di Juventus-Milan, partita che si giocò in un pomeriggio di nebbia: vedevo figure vaghe, allora commentai guardando il monitor e mi accorsi che l’occhio elettronico è più sensibile di quello umano“.

Parola finisce espulso dall’arbitro Galeati: non riusciva più a contenere Nordhal, e gli sferrò un calcione.

“Milan diavolissimo” titola Il Calcio Illustrato quella settimana. La domenica successiva, il 12 febbraio, i rossoneri concedono addirittura la replica: altro 7-1 alla Pro Patria, a San Siro, con gli svedesi ancora protagonisti. Al termine di quel campionato il Milan avrà messo insieme la bellezza di 118 reti.

“Milan diavolissimo” titola il “Calcio Illustrato” quella settimana: ma a interrompere il digiuno da tricolore saranno i bianconeri, che vinceranno il loro sesto scudetto.

About Stefano Ravaglia

leggi anche

Tevez e il ‘barrio’: infanzia e adolescenza di Carlitos nella serie Netflix

Israel Adriano Caetano dirige Balthazar Murillo nei panni del giovane Carlos Tevez. Tra sparatorie e …

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi