Home / MOTORI / Alvaro Bautista alla conquista di Imola
Cosa ci riserverà Alvaro Bautista tra le curve di Imola? (www.worldsbk.com)

Alvaro Bautista alla conquista di Imola

Nell’imminente weekend si disputerà il quinto round di una stagione che sta vedendo il dominio assoluto di Alvaro Bautista

Praticamente un connubio perfetto quello tra Alvaro Bautista e la Panigale V4 R. Lo spagnolo, il sella al gioiello di casa Ducati ha infatti vinto le 11 gare finora disputate nel Mondiale SBK. Cosa accadrà nel corso del prossimo weekend, durante il primo round italiano della Superbike 2019? Saltano, infatti, all’occhio almeno un paio di variabili su cui è impossibile non soffermarsi. Il pilota spagnolo non  ha mai percorso le curve di Imola e, prima della giornata di test organizzata dalla sua scuderia lo scorso 24 aprile, non aveva mai messo piede sul tracciato romagnolo. Niente panico, però. Nelle prove è andato subito molto forte e gli sono bastate poche ore per girare con tempi molti vicini a quelli del compagno Chaz Davies. Che, a onor del vero, sicuramente conosce bene Imola, dove ha già portato a casa quattro gare.

Rea non resterà a guardare

Alvaro Bautista non dovrà solo guardarsi dal suo compagno di squadra che sicuramente cercherà proprio ad Imola la spinta per dare carattere a una stagione ancora in sordina. A scalpitare per il podio c’è sicuramente anche il leader in carica Jonathan Rea, che tra le curve romagnole ha vinto ben sette volte, facendo doppietta anche con la Honda. Imola è una delle piste preferite dal quattro volte campione del mondo, che però ha dovuto riconoscere che è praticamente impossibile trovare piste sfavorevoli alla performantissima Panigale.

Cinque Ducati in pista

A Imola saranno ben cinque le V4 in pista. A spingere di gas delle Rosse, infatti, saranno, oltre ad Alvaro Bautista e Chaz Davies, anche le “private” di Michael Ruben Rinaldi ed Eugene Laverty. In azione anche Lorenzo Zanetti, con il Motocorsa Racing Team (e, con ogni probabilità, ripeterà la stessa operazione nel round italiano di Misano Adriatico, nel fine settimana del 21-23 Giugno). Insomma, se ne vedranno delle belle.

Alvaro Bautista contro… tutti?

Sarà ancora duello Ducati-Kawasaki oppure le altre scuderie riusciranno a inserirsi nella lotta per la conquista del podio? Marco Melandri potrebbe  rappresentare il fuori programma, anche se in quanto a Yamaha i due piloti che sino ad ora hanno ottenuto i migliori risultati sono Alex Lowes e Michael Van der Mark, che però non sono mai saliti sul podio all’autodromo Ferrari. In casa BMW, i due piloti siamo certi che scalpiteranno anche tra le curve italiane. Tom Sykes in primis, che qui fece doppietta nel 2013 on board della Kawasaki ufficiale. E la Honda? Ahiloro, a detta degli esperti, probabilmente Imola non si rivelerà una gran piazza e i risultati di Leon Camier e Ryūichi Kiyonari non dovrebbero essere molto diversi da quelli ottenuti sino ad ora. Certo è che il britannico dell’alata sul circuito del Santerno conquistò un podio otto anni orsono, quando guidava l’Aprilia ufficiale. Era il 2011.

In TV

Sky Sport MotoGP (sul canale 208 della piattaforma satellitare) e Sky Sport Uno (canale 201) trasmetteranno tutte le gare e le qualifiche in diretta insieme a numerose differite.  Repliche anche su Eurosport-1 (canale 210). Gara 1 e Gara 2 saranno visibili in diretta anche in chiaro su TV8, sul canale 8 del digitale terrestre (sabato 11 e domenica 12 – ore 14).

About Belardelli-Mulas

Lauretta Belardelli e Armando Mulas. Lei la penna, per professione; lui l'idea, per passione. Coppia nella vita e, ora, anche sul web con l'obiettivo di scrivere sul mondo delle due ruote e, soprattutto, sul maggiore dei suoi Campionati. Nel cuore il Dottor Rossi e le Ducati...

leggi anche

Superbike, Marco Melandri annuncia il ritiro a fine stagione

Saranno le ultime gare nel mondiale Superbike per Marco Melandri. A 36 anni ha deciso …