Home / MOTORI / F1 / F1, PRESENTAZIONE GP CINA 2018 : MERCEDES CHIAMATE AL RISCATTO, VETTEL PER CONTINUARE A STUPIRE
Il rettilineo del traguardo del circuito di Shangai. (Foto: italianwheels.net)

F1, PRESENTAZIONE GP CINA 2018 : MERCEDES CHIAMATE AL RISCATTO, VETTEL PER CONTINUARE A STUPIRE

SHANGAI, 12 APRILE 2018

F1, PRESENTAZIONE GP CINA 2018 – La Formula 1 fa tappa in Cina con Vettel leader solitario del mondiale. Le 17 lunghezze di vantaggio del Ferrarista sul campione del mondo in carica Lewis Hamilton, sono un cospicuo bottino che non può però dare spazio a cali di tensione. La Mercedes vista in Bahrein, nonostante un passo non esaltante, è come risultata pericolosa e a tratti anche superiore alla Ferrari. Il tortuoso ciruito cinese inoltre, ben si presta a dare qualche chance in più anche a una Red Bull apparsa in grande difficoltà nel deserto del Sakhir. La power-unit Renault, in particolare è risultata decisamente poco a suo agio tra i rettilinei del Bahrein e spera di ritrovare slancio e sopratutto affidabilità a Shangai. Grande attesa anche per le sorprendenti Toro Rosso e Alfa Romeo-Sauber, chiamate a ripetere gli esaltanti risultati dell’ultima uscita. Cercano riscatto Kimi Raikkonen (politiche interne Ferrari permettendo) e i due Red Bull per diversi motivi. Ricciardo reduce dalla sfortunata rottura del motore e Verstappen, dopo due gare dense di incertezze ed errori che, nonostante le difese a spada tratta del team di Milton Keynes, continuano a minare la sua credibilità come top driver.

CONFERENZA STAMPA PILOTIVERSTAPPEN: HAMILTON? TROPPO FACILE ACCUSARE IL PILOTA PIU’ GIOVANE

LE VOCI DEI PILOTIGasly, Ericsson e Verstappen i tre volti della conferenza stampa piloti alla vigilia del GP Cina 2018. Il giovane francese della Toro Rosso, autentica rivelazione del secondo GP stagionale, ha ribadito la sua fiducia nel progetto Honda spiegando come il team radio a fine gara fosse un giusto tributo al motorista nipponico reduce da anni di grandi difficoltà. Nessuno sfottò a McLaren e polemiche smorzate sul nascere. Semmai attestati di stima per Fernando Alonso definito un idolo da sempre punto di riferimento per il giovane pilota francese. Marcus Ericsson frena invece i facili entusiasmi per i primi punti della neonata Alfa-Romeo-Sauber. Lo svedese con grande pragmatismo è si raggiante per il nono posto ottenuto in Bahrein, ma ribadisce come i radicali cambiamenti apportati alla monoposto richiedano tempo per dare frutti costanti.

Verstappen stringe la mano di Hamilton dopo le polemiche della scorsa settimana. (Foto: twitter.com/F1)

INCORREGGIBILE MAX – Verstappen invece? che dire del giovane Max se non che non si smentisce mai. L’olandese che in due weekend ha collezionato la bellezza di un testacoda, un incidente in qualifica ed uno in gara respinge al mittente ogni accusa di aver forzato Hamilton fuori pista nel sorpasso tentato al secondo giro del GP Bahrein. Verstappen continua a ribadire come gli incidenti facciano parte delle gare e come i sorpassi siano sempre una situazione che “può andare bene come può andare male” (e quando di mezzo c’è lui la seconda ipotesi diventa una costante fin troppo ricorrente). Resta il fatto che nonostante le coccole di Helmut Marko e la palese propensione del box Red Bull a dargli tutto il credito possibile, a Max servono punti pesanti per tornare a far parlare i risultati e non le polemiche. Nel pomeriggio intanto è arrivata anche la stretta di mano con Lewis Hamilton ma la scena è sembrata l’inizio di una battaglia più che un armistizio.

Kimi Raikkonen e Daniel Ricciardo i due grandi delusi del GP Bahrein. (Foto: chilometrando.it)

RICCIARDO E RAIKKONEN GUIDANO LA CARICA DEI DELUSI IN CERCA DI RISCATTO

IN CERCA DI RISCATTO – Ci si attende una gara di riscatto da due piloti in particolare. Daniel Ricciardo e Kimi Raikkonen. Il primo tradito dal motore e pilota di un team che nonostante i grandi risultati gli preferisce Verstappen. Il secondo reduce da un weekend dov’è sempre stato veloce e competitivo e si è poi trovato penalizzato da una strategia sacrificale del box Ferrari e da un errore al cambio gomme, che dopo quello del venerdì in prova è suonato molto come un dejavù. Qualche chance in più per McLaren e Renault, che sembrano però aver trovato un inatteso outsider nella Toro Rosso-Honda. Ci si attende invece l’ennesimo weekend difficile da Williams e Force India con questi ultimi in ripresa ma ancora molto lontani dal livello dello scorso anno.

Appuntamento in pista per le prime libere domattina (alba italiana ore 04:00 FP1 e 08:00 FP2).

About s. jockeys

Laureato in Comunicazione Media e Pubblicità, innamorato da sempre dell'adrenalina del Motorsport, Formula 1 in testa, dell'eleganza del tennis e del bel calcio...

leggi anche

F1, RISULTATI GP BELGIO 2018 : VETTEL TORNA AL SUCCESSO DAVANTI AD HAMILTON E VERSTAPPEN

F1, RISULTATI GP BELGIO 2018 : Vince Sebastian Vettel davanti ad Hamilton e Verstappen. Una …