Home / MOTORI / F1 / F1, QUALIFICHE GP RUSSIA 2018 : POLE DI BOTTAS, DOMINIO MERCEDES! SOCHI PUO’ GIA’ DECIDERE IL MONDIALE
Valtteri Bottas, poleman del GP Russia 2018. (Foto: twitter.com/F1)

F1, QUALIFICHE GP RUSSIA 2018 : POLE DI BOTTAS, DOMINIO MERCEDES! SOCHI PUO’ GIA’ DECIDERE IL MONDIALE

F1, QUALIFICHE GP RUSSIA : Una qualifica che sembra una sentenza. Valtteri Bottas è in pole a Sochi, un po’ la sua pista, davanti a Hamilton e Vettel. Il mancato ennesimo acuto del campione del mondo in carica fa notizia, ma sorprendere in negativo è anche l’opaca prestazione della Ferrari. Le Rosse sono lontane dalla Mercedes anche sul giro secco. Non fossero bastate le libere, dove le Frecce D’Argento hanno dimostrato un passo gara superiore a chiunque, anche in qualifica le W09 hanno brillato in tutti i settori. Vettel, che aveva dichiarato di puntare alla prima fila, viene tradito da un ottimismo non confermato nei fatti e sembra addirittura limitare i danni grazie alla penalizzazione delle due Red Bull, che avevano la velocità per insidiarlo nella lotta per la seconda fila. Volti rilassati in casa Mercedes dove si avverte la sensazione che la Russia possa valere come un match point nella sfida con la Ferrari.

PRIMA FILA TUTTA MERCEDES, LA SF71H E’ ANCORA LA MONOPOSTO MIGLIORE?

Quanto visto finora in stagione, aveva portato i più a descrivere la Rossa come la monoposto migliore del lotto. In effetti la SF71H aveva dimostrato una duttilità eccellente tanto nelle piste più tortuose quanto in quelle più veloci. Dal Belgio in poi però qualcosa è cambiato. Ferrari sembra essersi plafonata in termini di prestazioni. Mercedes al contrario è andata in crescita verticale costante. I più hanno attribuito alla classe di Hamilton il merito della rinascita del team di Brackley ma sembra che molto del merito sia da tributare al lavoro degli ingegneri che hanno lavorato sulla debolezza più grande, l’interazione con gli pneumatici, rendendola ora come ora un punto di forza. A livello di motore è evidente che le due power unit si equivalgano ma in quanto a telaio le differenze si stanno facendo evidenti. Nonostante gli ultimi aggiornamenti all’ala anteriore le Ferrari si sono dimostrate ancora una volta instabili nelle curve lente al contrario delle W09 che sono apparse più agili e precise. Risultato: prima fila tutta Mercedes e il duo Vettel-Raikkonen mai così lontano. La SF71H quindi, è ancora la monoposto migliore? la risposta è semplice, ora come ora non più.

Il podio della qualifica del GP Russia 2018. (Foto: twitter.com/F1)

FERRARI DISCONTINUA, MERCEDES IN CRESCITA COSTANTE

La si può mettere in tanti modi ma il campionato, a 6 gare dal termine, sembra già avere un padrone. Bottas ha alzato l’asticella delle sue performance proprio ora che conta ancora di più. Hamilton intanto da tempo vince, convince e sopratutto sembra in controllo totale della situazione. Il momento difficile per il campione del mondo in carica c’è stato eccome. Fino a metà stagione Mercedes arrancava nel confronto di prestazioni con una Ferrari dominante in tutte le condizioni. In quella fase però, Sebastian Vettel non ha capitalizzato per errori di guida. Ora però che  Vettel sta limitando le sue amnesie sta venendo a mancare il supporto del mezzo. Per farla breve, quando c’era la monoposto è mancato il pilota e ora che si è ritrovato il pilota è venuta a mancare la monoposto. Vettel ha gettato alle ortiche mezzo mondiale in Germania, ma è anche vero che  allora mancava ancora più di metà campionato e c’era tutto il tempo per recuperare, ora non più. Da li in poi però il vantaggio di prestazioni della SF71H è calato fino al definitivo sorpasso avvenuto in questo weekend Russo. A fine stagione ci sarà tempo, eccome, per riflettere su chi ha sbagliato cosa, ma al momento c’è ancora un campionato dove a Maranello devono cercare di salvare il salvabile. Al netto di catastrofi imprevedibili questa Mercedes e questo Hamilton chiuderanno la partita ben prima di Abu Dhabi e la gara di domani può essere la prima conferma a questa perentoria prospettiva.

About s. jockeys

Laureato in Comunicazione Media e Pubblicità, innamorato da sempre dell'adrenalina del Motorsport, Formula 1 in testa, dell'eleganza del tennis e del bel calcio...

leggi anche

F1, PAGELLE GP GIAPPONE 2018 : HAMILTON IN SCIOLTEZZA, DISASTRO FERRARI

F1, PAGELLE GP GIAPPONE 2018 : Lewis Hamilton vince ancora e prosegue spedito la sua …