Home / HISTORY SPORT / Mané Garrincha e Pietro Mennea: pillole vincenti di vita e di sport
© Silvio Durante/LaPresse Archivio storico 12-11-1950 Torino Stadio Comunale Sport Calcio Juventus-Torino CAMPIONATO ITALIANO DI CALCIO JUVENTUS-TORINO 4 a 1 Nella foto: Parata di VIOLA su NAY e CARAPELLESE Neg 2547

Mané Garrincha e Pietro Mennea: pillole vincenti di vita e di sport

Pietro Mennea e Mané Garrincha: aneddoti di vita e di sport, storie vincenti di personaggi incredibili… Come diventare grandi campioni dello sport.

L’irrinunciabilità dello sport, la comunicazione dei più importanti valori sociali, il fenomeno della disabilità. Tematiche complesse correlate ai valori della disciplina non soltanto sportiva: l’attività agonistica vista anche come benessere fisico, lo sport etichettato come opportunità di socializzazione, come integrazione, fair-play, divertimento e realizzazione di un sogno o delle proprie aspirazioni.

Al giorno d’oggi tutti possono e devono cimentarsi in varie discipline, magari le più congeniali alle patologie di cui sono affetti determinati individui. Non bastano solo buoni propositi campati in aria. Risulta fondamentale creare le condizioni ottimali per rendere accessibile a qualsiasi soggetto umano, anche il più sfortunato, l’opportunità di svago motorio. Qualsiasi individuo è giusto che abbia dei sogni nel cassetto, considerati teoricamente irrealizzabili.

Anche il fenomeno Garrincha non avrebbe mai immaginato di diventare un grande giocatore. Nonostante l’etichetta ricevuta di “angelo calcistico dalle gambe storte”, Garrincha ha da sempre rappresentato un simbolo del mondo dello sport e di campione dentro e fuori il panorama sportivo.

Focalizzandoci sul pianeta sportivo, è bene affermare che lo sport non produce solamente benessere fisico. Infatti, in individui con disabilità di natura mentale, è possibile favorire tramite le attività motorie lo sviluppo delle capacità intellettive e relazionali. Secondo esperti e studiosi “lo sport contribuisce senz’altro a ridurre il grado di disabilità, consentendo di prevenire danni secondari e terziari e di minimizzare il grado di svantaggio sociale, con particolare riferimento all’handicap”.

Insomma, tutti possono sognare, tutti possono incrementare le proprie performance sociali e non e diventare un giorno campioni.

Nelle tavole rotonde legati ai temi della solidarietà e dell’associazionismo, a cui abbiamo avuto il piacere di partecipare negli anni, spesso ci è capitato di ascoltare discorsi costruttivi. Ne riportiamo uno in particolare, legato proprio all’”angelo sportivo dalle gambe storte”, l’ala destra del Brasile:

“Uno dei più grandi miti del calcio è Manè Garrincha. Aveva delle malformazioni a una gamba e leggero strabismo, nonostante ciò è riuscito a tramutarsi in un grande dello sport. Insomma si può essere perfetti anche avendo difetti”.

Come dire, campioni si nasce, non si diventa. Sempre a livello di valori umani e sportivi, altro personaggio che ha regalato perle durante il suo cammino è stato Pietro Mennea. Una vita, come Garrincha, da definire leggendaria: campione olimpionico di Mosca ’80, record-man del mondo sui 200 metri piani e perfino 4 lauree, all’insegna di una mente ricca di forza.

Mennea fu protagonista a Jesi nelle Marche, nel 2012, all’incontro denominato “I valori etici della prestazione sportiva”, promosso dalla “Fondazione Cardinaletti Onlus” a cui abbiamo partecipato.

“Non sono un predestinato, non sono nato per far registrare grandi risultati”, affermò Mennea davanti ad alcuni disabili che lo ascoltavano.

“Ho raggiunto i risultati che tutti conoscono lavorando sodo per 365 giorni l’anno allenando la fatica, sconfiggendola e soffrendo fino in fondo. Mi allenavo di notte, anche a Natale, alcuni custodi non potevano più vedermi. Un grazie ai miei genitori che mi hanno insegnato le cose più umili della vita”.

E ancora:

“I campioni possono nascere ovunque, anche a Barletta, l’importante è avere gli stimoli e gli elementi giusti quali determinazione e massima fiducia in se stessi. La mia razza ha una rabbia e testardaggine migliori di quelle di Steve Jobs. Il famoso giornalista Gianni Brera si stupì della mia mente, definendola mesopotamica”.

Personaggi che non potranno mai morire…

About Daniele Bartocci

Giornalista marchigiano classe 1989, in oltre 17 anni di giornalismo si occupa di argomenti quali cronaca e sport. Laureato in Economia e Commercio (110 e lode), ha lavorato come telecronista, radiocronista e inviato, rivestendo l’incarico di responsabile ufficio stampa (Jesina Calcio) e collaborando con magazine, settimanali, quotidiani cartacei (Corriere Adriatico) e online. Ha partecipato negli anni a eventi sportivi come Gran Galà Calcio Serie A Milano, Gran Galà Calcio Serie B, Sport Digital Marketing Festival e Olimpiadi del Cuore di Forte dei Marmi. Nel suo cv un Master Sport – Digital Marketing & Communication del Sole 24 Ore. Risulta tra i vincitori del premio ‘Overtime Web Festival 2018’ (miglior articolo sport individuali), si conferma nel 2019 e ottiene il premio giornalistico nazionale Mimmo Ferrara 2019 (menzione speciale all’Odg - Napoli). E’ tra i vincitori del concorso letterario Racconti Sportivi 2019 (Centro Sportivo Italiano – Historica) la cui cerimonia di premiazione si è svolta in occasione della settimana del Salone del Libro di Torino 2019 e al Teatro Arena di Bologna. Si ripete nell’edizione 2020 di Racconti Sportivi. E’ stato premiato a Maggio 2019 come miglior giornalista under 30 ‘Premio Renato Cesarini 2019’. Nominato tra i migliori 30 millennials d’Italia 2019, vincitore del prestigioso Myllennium Award all’Accademia di Francia a Roma in ambito comunicazione sportiva. A settembre 2019 riceve la menzione d’onore al Premio Letterario Città di Ascoli Piceno. Ha all’attivo interventi e docenze in giornalismo e comunicazione in università e master (Roma, Bologna, Ancona, Macerata). A luglio 2020 viene premiato dal Ministro Sport Vincenzo Spadafora al Myllennium Award 2020 (Accademia di Francia – Villa Medici), alla presenza del Presidente Coni Giovanni Malagò, e ottiene il premio speciale di migliore giornalista giovane al Premio Cesarini ad agosto 2020. A Torino vince sempre nel 2020 il Premio Giovanni Arpino - Inedito dedicato alla letteratura sportiva. Vincitore del titolo di miglior blogger sportivo 2020 (Blog dell’Anno 2020) e del premio di giornalismo sportivo Simona Cigana 2020 (Friuli Venezia Giulia). Vince anche la menzione speciale al Premio Internazionale Città di Sarzana e al Premio Santucce Storm Festival sempre in ambito storytelling sportivo. Autore del libro Happy Hour da fuoriclasse al Bartocci. Il suo blog principale è www.danielebartocci.com. Bio su https://biografieonline.it/biografia-daniele-bartocci

leggi anche

Schumi e Spa, il destino di una carriera

Il 25 agosto del 1991, Michael Schumacher diventava, a tutti gli effetti un pilota di …