Home / MOTORI / Moto GP / Feliz Cumpleaños, Jorge Lorenzo!
Jorge Lorenzo sul circuito di Losail (www.todocircuito.com)

Feliz Cumpleaños, Jorge Lorenzo!

Oggi, 4 maggio, Jorge Lorenzo soffia su 32 candeline! Ecco un breve ritratto del pilota spagnolo di Maiorca, da questa stagione in sella alla Honda

Jorge Lorenzo Guerrero nasce con la passione per la velocità. A soli 3 anni, infatti, riceve in regalo la sua prima moto, costruitagli dal padre, all’epoca meccanico nella concessionaria Salom a Palma de Mallorca. “Non so se sia stato il regalo più bello mai ricevuto, ma di sicuro è stato il più importante della mia vita. È davvero unica al mondo, senza di lei nulla di tutto ciò che è successo in seguito sarebbe poi accaduto…”, ha confessato in un’intervista. Poi inizia a cimentarsi con il minicross e, successivamente, con le minimoto. E da gioco, la passione si trasforma in competizione. Un bambino che si dimostra padrone delle due ruote fin da subito, rivelando presto la stoffa del campione. Il suo primo GP? In Brasile, nel 2003, l’anno dopo il suo ingresso nella 125. Poi è stato il capitolo della 250 e, infine, arriva nella classe regina dove ha conquistato, finora, 3 titoli.

Bambino prodigio

Era il 1993 e il piccolo Jorge aveva da poco soffiato su 6 candeline. Iscrittosi al Campionato Minicross delle Baleari, vince il primo titolo di Campione. Che replicherà nelle due stagioni successive. Nel 1997, a 10 anni, partecipa per la prima volta alla Coppa Aprilia, che vincerà per due anni consecutivi: nel 1998 in sella a un 50 e, l’anno dopo con una 125. Passa un anno e ottiene una speciale deroga per correre il campionato nazionale di velocità. Giampiero Sacchi, responsabile del reparto corse dell’allora gruppo Piaggio, notò il suo talento e gli offrì un posto in squadra per correre nel motomondiale. Ma per esordire nella classe regina dovette aspettare il giorno del suo quindicesimo compleanno: montò in sella alla sua Aprilia 125 e… giù di gas!

Il sella!

Sin dall’esordio, in classe 125, Jorge Lorenzo ha corso con il numero 48, sostituito per due stagioni (2007 e 2011) con il numero 1 in qualità di campione in carica. Dal 2009, dopo il ritiro del manager Amatriain (la cui Motosport48 fu ispiratrice per la scelta del numero da apporre sul cupolino), ha poi potato per il numero 99. A suo tempo dichiarò di averlo scelto perché non era mai stato utilizzato nel motomondiale e perché sentiva un natural feeling con quel doppio nove.

Porfuera, Martillo e Mantequilla

A Jorge Lorenzo sono stati dati vari soprannomi. Porfuera risale ai tempi in cui in 125 e 250 faceva impazzire gli avversari con sorpassi all’esterno, al limite di ogni legge fisica. Poi è passato a Martillo, che rispecchiava la sua abilità di partire in testa e “martellare” su ritmi insostenibili per gli avversari. Successivamente è spuntato Mantequilla, che spesso si trova ancora stampato sulla leva del freno delle sue moto, ad indicare la sua guida pulita e morbida.

La sua curva a Jerez

Il circuto andaluso di Jerez, dove si sta svolgendo la quinta tappa del MotoGP 2019, ha dedicato a Jorge Lorenzo una curva. Era il 2 Maggio 2013 quando fu ufficializzata la notizia proprio alla vigilia del GP di Spagna.

I numeri di Jorge Lorenzo

  • Primo GP: Spagna 2002 (125)
  • Prima vittoria: Brasile (2003 in 125)
  • GP disputati: 282 (46 in 125, 48 in 250 e 188 in MotoGP)
  • Pole: 69 (3 in 125, 23 in 250 e 43 in MotoGP)
  • Podi: 152 (9 in 125, 29 in 250 e 114 in MotoGP)
  • Vittorie: 68 (4 in 125, 17 in 250 e 47 in MotoGP)
  • Ultima vittoria: Austria 2018 (MotoGP)
  • Titoli: 5 (2 in 250 e 3 in MotoGP)
  • Scuderie: Derbi (2003-2004), Honda (2005), Aprilia (2006-2007), Yamaha (2008-2016), Ducati (2017-2018), Honda (2019)

 

 

 

About Belardelli-Mulas

Lauretta Belardelli e Armando Mulas. Lei la penna, per professione; lui l'idea, per passione. Coppia nella vita e, ora, anche sul web con l'obiettivo di scrivere sul mondo delle due ruote e, soprattutto, sul maggiore dei suoi Campionati. Nel cuore il Dottor Rossi e le Ducati...

leggi anche

F1, Ferrari: Cinelli passa all’Alfa Romeo

Alessandro Cinelli lascia la Ferrari e va all’Alfa Romeo, dove sostituirà Jan Monchaux, promosso a …