Home / CALCIO MERCATO / Ibrahimovic svela la chiamata di Galliani: “A Monza c’è il tuo vecchio Milan”
1kw8wtlfy6lhg1rzta4uhuecbe

Ibrahimovic svela la chiamata di Galliani: “A Monza c’è il tuo vecchio Milan”

Zlatan Ibrahimovic, parla del suo futuro. La permanenza al Milan non è scontata: “Vediamo cosa succede tra due mesi. Così è difficile restare”.

Quello di Zlatan Ibrahimovic è un futuro tutto da scrivere. Tornato al Milan lo scorso inverno, dopo le due annate vissute in MLS con i Los Angeles Galaxy, non solo ha dimostrato che a 38 anni può ancora fare la differenza in Serie A, ma si è anche caricato sulle spalle una squadra che prima del suo arrivo era parsa in evidente difficoltà.

Le sue ultime dichiarazioni hanno lasciato intendere che la sua avventura in rossonero potrebbe anche essere giunta vicina al capolinea. Il Milan si prepara ad aprire un nuovo ciclo e la sensazione è quella che il campione svedese voglia capire in quale direzione si andrà.

Il suo nome, nel corso degli ultimi mesi, è stato spesso accostato anche a quello del Monza di Berlusconi e Galliani e, in un’intervista rilasciata a ‘Sportweek’, lo stesso Ibra ha ammesso che effettivamente una chiamata c’è stata.

“Mi ha chiamato Galliani: “Hai detto che questo non è il tuo Milan, a 11 km da Milano c’è il tuo vecchio Milan” (ahahahah). Mi piace, così deve lavorare un direttore sportivo. Quando mi ha portato per la prima volta al Milan, è venuto a casa mia in Svezia: “Non me ne vado finché non vieni con me”. Helena, mia moglie, mi ha guardato sconvolta: questo è matto, cosa vuole? Dobbiamo andare – le ho detto – o non va via. Quando vuoi qualcosa devi prendertela. Con i fatti, non solo a parole”.

Per Ibrahimovic si è anche parlato dell’ipotesi ritiro.

“E’ difficile parlare adesso. Vediamo come sto tra due mesi e cosa succede con il club”.

L’attaccante svedese vuole un Milan competitivo.

“Ora bisogna fare il meglio che si può, anche in questa situazione. Poi vediamo cosa succede con il club. Certo io voglio giocare per invece qualcosa e senza sentire intorno a me che posso vincere. Io non faccio la mascotte. Piuttosto non gioco. Ho ancora tanta adrenalina, emozione, passione per quello che faccio. E voglio fare la differenza. Se la situazione è questa, è difficile vedermi al Milan il prossimo anno. Sono onesto. Poi non lo so come sto tra due mesi. Ma se sto bene gioco, voglio giocare per qualcosa. Ibra non è da Europa League, il Milan non è un club da Europa League. Il Milan gioca per andare in Champions e per vincere lo scudetto”.

Ibrahimovic non esclude la possibilità di continuare in un altro club.

“Io non chiudo mai le porte. Però vado solo in un club dove comando, non in un posto dove le tue parole non valgono niente. E poi ho tante cose in giro da fare. e ho una famiglia anche. Die ninja che spero vadano presto a fare il militare…”.

About

leggi anche

dallas

Pronostico Dallas Vs Nashville, Major League Soccer 17-08-2020

La notte tra domenica e lunedì alle ore 2 e 30 italiane, scenderanno in campo …

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi