Home / Calcio / Lautaro Martínez, il toro ha cominciato a vedere rosso?

Lautaro Martínez, il toro ha cominciato a vedere rosso?

Col gol segnato a Parma l’altra sera Lautaro Martínez ha permesso alla squadra di conquistare altri tre punti fondamentali per la rincorsa alla Champions.

Calcio, Storie, Sudamerica, Lautaro Martínez / L’attaccante argentino non è nuovo a certi exploit visto che un suo decisivo gol valse tre punti anche nella sfida giocata a San Siro contro il Napoli appena dopo Natale.

Accolto forse con un po’ di scetticismo da parte della tifoseria, non tanto per la cifra pagata quanto per lo scotto subìto con Gabigol due estati prima, sta pian piano conquistando lo spazio che si merita.

Dopo un normale periodo di ambientamento comincia ad entrare regolarmente nelle rotazioni della squadra; potendo giostrare sia come centravanti che come seconda punta fornisce anche più opzioni di scelta a Spalletti.

Non mi dilungherò in discorsi tecnico-tattici scopriamo pertanto di più su quest’attaccante argentino, classe 1997, che pare pronto ad esplodere definitivamente.

Nato a Bahia Blanca il 22 agosto 1997 segue le orme del padre tirando i primi calci nelle giovanili del Liniers, con cui si è affermerà nella categoria Under-17; nel 2013 segnò 13 gol nel campionato argentino di categoria, andando in gol anche nella finale di coppa, persa contro il Rosario Central.

Nel gennaio 2014 venne acquistato dal Racing Avellaneda e, dopo un inizio in sordina, iniziò a segnare con regolarità, realizzando 53 gol in 64 partite con la seconda squadra; l’esordio con la prima squadra nella primera division avvenne il 31 ottobre 2015, sostituendo nientemeno che Diego Milito.

Segna il primo gol ufficiale nel massimo campionato argentino il 19 novembre 2016, permettendo al Racing di pareggiare sul campo dell’Huracan; sempre contro il Globo, il 4 febbraio 2018, mise a segno la sua prima tripletta nel 4-0 finale.

Si fece notare in primis nel 2017 quando partecipò al campionato sudamericano under 20 con la nazionale, laureandosi capocannoniere con 5 gol, di cui tre segnati dal 90° minuto in poi.

Nel marzo 2018 ricevette la prima chiamata nella nazionale maggiore, esordendo il 27 marzo, in occasione dell’amichevole persa con la Spagna; entrato nelle rotazioni del nuovo commissario tecnico Scaloni, l’11 ottobre 2018 sigla la sua prima rete in nazionale nella vittoriosa amichevole contro l’Iraq.

Ora è atteso dalla prova di maturità in una città come Milano, sponda nerazzurra, sempre esigente quando si tratta di goleador… ma uno che è soprannominato “el toro” non può impressionarsi per così poco.

 

 

 

 

About Andrea Restelli

leggi anche

Ricardo Centurión lascerà a breve il Racing Club, per dove?

Ricardo Centuriòn è arrivato al capolinea per quel che riguarda la sua terza ed ultima …