Home / Calcio / News / Messi rivela: “I primi anni in prima squadra faticavo a segnare”
1a1atesx8egg01p6wkrxcxb3or

Messi rivela: “I primi anni in prima squadra faticavo a segnare”

Lionel Messi uguale goal. Un’equazione scontata, perché uno non esiste senza l’altro. Ma esisteva un tempo, strano a dirsi, in cui il rapporto tra il fuoriclasse del Barcellona e la porta non era così idilliaco come lo è da più di 10 anni a questa parte. Ed è lui stesso, in un’intervista a La Liga pubblicata da DAZN, a rivelarlo.

Guarda l’intervista integrale di Messi su DAZN

“Non ero un giocatore da molti goal. Nelle giovanili sì, ma soprattutto quando sono arrivato in Prima squadra, i primi anni, facevo fatica a segnare: sbagliavo o ero sfortunato… Ricordo che Eto’o mi disse: il giorno in cui inizierai a fare goal sarà la fine… Perché avevo molte occasioni, ma non riuscivo a segnare. Finché un giorno mi sono sbloccato e la palla ha cominciato a entrare. Da ragazzino ho sempre fatto goal, sia in Argentina sia nelle giovanili del Barcellona. Mi ci è voluto un po’ i primi anni in Prima squadra e poi mi sono sbloccato”.

Ora che segnare ha per lui la stessa difficoltà di bere un bicchier d’acqua, però, Messi confessa di non sentirsi obbligato a segnare in ogni partita.

“Sempre di meno. Sto cominciando ad arretrare sempre di più per essere il creatore dell’azione piuttosto che finalizzarla, e penso sempre di meno al goal. Ovviamente mi piace e se ne ho la possibilità, ovviamente la colgo, ma ogni volta che scendo in campo sono meno concentrato sul goal e più sul gioco. Non sono mai stato ossessionato dal goal. Capisco che se ne parlerà quando smetterò di farne tanti, ma fa parte del gioco, del crescere come giocatore e del sapersi adattare ai momenti, ai propri tempi e continuare a crescere e a cercare il meglio per sé e per la squadra”.

Quali sono le prodezze che Messi ricorda con più piacere nella propria carriera? Scelta difficile, ma la Pulga ha un metodo per classificarli.

“Ho sempre detto che i goal che mi sono piaciuti di più sono i più importanti, più della bellezza. Quelli in finale di Champions, i due che ho segnato al Manchester United… Quello in semifinale di Champions al Real Madrid è uno che ricordo molto volentieri, sia per il goal in sé sia per quello che ha significato: era una semifinale contro il Real Madrid… Ma, appunto, dovrei prima pensarci e rivederli per poter scegliere”.

Nella memoria collettiva rimane però una rete messa a segno in un Barcellona-Getafe 5-2, gara di Copa del Rey del 2007. Un goal alla Maradona, scartando mezza difesa avversaria. Un goal speciale.

“Sì, ovviamente. Anche se quella rete non è stata così importante come il suo, però è stato moltosimile per dinamica a quello che ha fatto Maradona, ma è assurdo che l’azione fosse così simile alla sua, anche se i due goal, per importanza del momento e della partita, non hanno nulla a che vedere l’uno con l’altro. Ma la giocata è stata simile”.

About

leggi anche

cszd01510jrl1f1xo6ccdn2cn

Cori contro Gasperini, Fiorentina multata: 5mila euro

La rivalità tra Atalanta e Fiorentina si accende sempre di più. Dalla sfida in semifinale …

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi