Home / Calcio / Talent Scout Mondo Calcio – Maryan Shved

Talent Scout Mondo Calcio – Maryan Shved

Maryan Shved – fenomeno ukraino

Nato nel luglio del 1997 nella città di Mykolaïv, in Ucraina, Maryan Vasylovych Shved si sta ritagliando, grazie alle ottime prestazioni sul campo, uno spazio importante nel calcio che conta.

Caratteristiche Tecniche

Dotato di un piede sinistro molto raffinato oltre che di una tecnica sopra la media, Shved, numero 35 dei leoni del Karpaty Lviv, si distingue all’interno del proprio team per l’imprevedibilità e la freschezza delle sue giocate.

Shved è una seconda punta, veloce, bravo nell’intuire la giocata prima degli avversari e rapido nei movimenti con e senza palla.

Mancino, anche se tira con entrambi i piedi, preferisce giocare sul versante destro per poi accentrarsi e calciare di sinistro appena ha la possibilità di inquadrare lo specchio della porta.

Abile tiratore da fuori area e dei calci piazzati, il giovane ucraino, riesce a disegnare traiettorie tipiche di chi utilizza i piedi come strumenti di precisione.

Nonostante la giovane età, Shved, ha già assaporato le gioie e i dolori che offre il mondo del calcio; infatti dopo un inizio di carriera scoppiettante, grazie a cui è riuscito ad attirare su di sé le attenzioni vari di club importanti.

La carriera di Shved

Nell’anno 2016 è stato acquistato dal Siviglia ed è stato inserito nella squadra giovanile per fare un po’ di esperienza.

Con il Siviglia ha partecipato ad alcuni tornei giovanili riscuotendo buoni successi personali e di squadra ma l’anno successivo, che lo avrebbe visto passare in prima squadra, si è infortunato al ginocchio e dopo un calvario durato un anno è tornato a casa.

Il Karpaty lo ha accolto a braccia aperte e Shved ha ricominciato nella Ukranian Premier League dove con 8 gol e 3 assist in 14 partite sta cercando, con successo, di recuperare tutto il tempo perso.

Maryan Shved il diamante grezzo

Il diamante Shved c’è, è grezzo e va raffinato ma c’è e per movenze sul campo, stile e gioco sembra di rivedere in campo Vincenzo Montella.

Piccolo fisicamente deve certamente irrobustirsi per emergere in un campionato più competitivo di quello ucraino, acquisire maggiore personalità in campo e migliorare tecnicamente nel dribbling.

La base su cui lavorare c’è e il ragazzo ha tutte le carte in regola per avere un ruolo importante nel prossimo futuro.

About Davide Casoria

leggi anche

Premio Renato Cesarini 2022: ecco il prestigioso albo d’oro

L’attaccante del Napoli vince il Premio Renato Cesarini, in programma stasera a Morrovalle. L’anno scorso …