Tennis balls and racket on the grass court

Tennis, dall’eleganza al tifo da stadio: cosa succede?

Il cambiamento nell’atmosfera delle partite di tennis, trasformandosi da un contesto di eleganza a un’arena di tifo da stadio, è diventato evidente durante il Roland Garros. Le tribune, una volta riservate alla sobrietà e al rispetto, ora risuonano di fischi, urla e insulti diretti ai tennisti, persino alla numero uno al mondo, Iga Swiatek. Questo deterioramento comportamentale ha spinto gli organizzatori a intervenire, adottando misure come il divieto di consumo di alcol sugli spalti. Nonostante ciò, le fluttuazioni nelle graduatorie del ranking e nelle quote sul tennis non si sono manifestate in modo evidente, sebbene sia chiaro che la situazione sollevi preoccupazioni.

La direttrice del torneo, Aurelie Mauresmo, ha sottolineato l’importanza di mantenere il rispetto per i giocatori e il gioco, assumendo un approccio deciso nel gestire i tifosi che disturbano l’equilibrio della competizione. Tuttavia, nonostante l’intervento delle autorità, è evidente che il problema vada oltre la superficie, radicandosi in una cultura emergente di tifo eccessivo.

Questo cambiamento di atmosfera è alimentato da un pubblico più giovane, che porta con sé gli stili di tifo propri del calcio, mirando a destabilizzare gli avversari e creando una tensione palpabile sul campo. Anche giocatori di calibro come Novak Djokovic hanno fatto eco alle preoccupazioni, segnalando il disturbo causato dal rumore eccessivo durante le partite.

Nonostante il tifo sia una parte intrinseca dello sport, è cruciale mantenere un equilibrio e rispettare le tradizioni, soprattutto nel tennis, dove il silenzio durante gli scambi è considerato essenziale. Benché non sia una regola scritta, il silenzio è parte integrante dell’etichetta tennistica, tanto che gli arbitri spesso richiedono al pubblico di mantenere la quiete durante le partite, sottolineando la necessità di preservare la purezza e l’integrità del gioco.

A proposito di Redazione La Notizia Sportiva

Controlla anche

Daniele Bartocci incoronato miglior giovane giornalista dell’anno 2024

Il talentuoso giornalista sportivo e professionista food Daniele Bartocci si aggiudica l’ambito Premio Renato Cesarini …

Gabrielloni (Como): “Obiettivo salvezza. Roberts? Mentalità diversa”

E’ un Alessandro Gabrielloni a tutto campo quello incontrato ieri a Jesi: il bomber del …