Home / MOTORI / F1 / Tradizione e numero 1000: tolto il velo alla nuova Ferrari
oznorHB

Tradizione e numero 1000: tolto il velo alla nuova Ferrari

Svelata la monoposto della stagione 2020: più rosso, seppur opaco e numeri old-style

di Stefano Ravaglia

Il Teatro Valli di Reggio Emilia è stato il palcoscenico ideale per la presentazione della nuova, la monoposto chiamata SF1000, in questo 2020, ad alzare la competitività di Vettel e Leclerc e rendere difficile il compito di Hamilton, ossia quella di puntare al settimo Mondiale che lo metterebbe di fianco a Schumacher nell’olimpo dei drivers d’ogni tempo. Indiscrezioni confermate, il numero 1000, cioè i Gran Premi in assoluto della scuderia, traguardo che la Ferrari taglierà certamente in questa stagioni, altre invece non esatte, come il tricolore sbandierato in gran quantità sul telaio e che invece compare in una minuscola strisciolina in fondo al muso, più o meno come gli altri anni

Una cerimonia a invito, i Ferrari Club fuori a seguire al vicino teatro Ariosto, il pre con molti di loro accalcati in piazza per un momento di incontro e autografi con i piloti. Il passato, cioè la SF90, quella che ha celebrato i novant’anni di storia del Cavallino nel 2019, è in bella mostra nel piazzale come in una sorta di passaggio di consegne. Dentro il nuovo, fuori, il vecchio. L’orchestra apre lo show tutto giochi di luce e balletti (è la prima volta che la Ferrari non presenta la monoposto a Maranello o al Mugello), le parole di circostanza, seppur vere e sentite, di Binotto, dell’amministratore delegato Camilleri e di Elkann, che parla di “forza e stimolo di fare di più” e sfodera le bandiere della scuderia e il tricolore che qui a Reggio Emilia nacque nel 1797.

E poi l’invitata più attesa, naturalmente. Che pare un po’ più rossa, seppur sempre di tenore opaco (la vernice ha un ruolo decisivo nel peso della vettura) e porta i numeri in stile anni Ottanta e Novanta, dettaglio anche questo fuoriuscito nelle ore della vigilia, come quando a pilotarla c’era un certo Gilles Villeneuve. “Imparare dagli errori e migliorare l’affidabilità”, dice Binotto. La pista dirà se sarà così.

About Stefano Ravaglia

leggi anche

Fernando Alonso correrà la Indy 500 con la McLaren

Per il due volte campione del mondo di Formula 1 sarà il terzo tentativo: lo …

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi