Vucinic-Juve, il retroscena: “Conte diceva che avevamo preso un fenomeno”

Nell’ultima puntata de “A casa con la Juve“, format ideato dalla Signora ai tempi del coronavirus, tre ex bianconeri hanno preso la scena svelando aneddoti curiosi tra sorrisi e leggerezza: Mirko VucinicMarco Storari eSimone Pepe.

L’ex portiere, soffermandosi sull’arrivo del montenegrino a Torino, ricorda attimo per attimo:

Era talmente forte che giocava sempre. La prima volta che l’ho visto in partitella mi impressionò. Conte ogni volta si girava e diceva: “Abbiamo preso un fenomeno“”.

Ricordi belli e soprattutto vincenti, con Vucinic a spiegare i segreti del successo:

Eravamo un bel gruppo. Il momento più bello? Il primo scudetto, un ricordo stupendo“.

L’ex romanista, si sa, è sempre stato tacciato di essere un po’ troppo discontinuo:

Come diceva la gente, giocavo quando avevo voglia, però giocavo sempre“.

Momenti indimenticabili vissuti anche da Storari, che spiega come sia legato particolarmente a una partita:

La doppia parata nel 2015 contro l’Inter, su Pandev prima e Icardi poi. Sono stato fortunato perché Icardi non l’ha presa bene, mi sono rialzato subito, non volevo prendere goal e ci sono riuscito“.

L’anima scherzosa di quel gruppo? Pepe. Che, all’insegna dell’umiltà, conquistò rapidamente la fiducia di Conte

Se avessi avuto voglia avrei vinto il Pallone d’Oro: facevo 20 chilometri a partita“.

A proposito di Cristian La Rosa

Cristian La Rosa. Classe ’76, ama il calcio e lo sport in generale. Segue con passione il calcio internazionale e ha collaborato con alcuni web magazine. È il fondatore, ideatore ed editore.

Controlla anche

Roma De Rossi

Calciomercato Roma, attacco da rifare: tutti i nomi

Calciomercato Roma, il nuovo ds Ghisofi dovrà ricostruire tutto l’attacco dei giallorossi per i tanti …

Napoli Genoa

Calciomercato Napoli, il post-Osimhen si colora di tinte azzurre

Calciomercato Napoli, l’estate dei partenopei si concentrerà sul modo migliore per sostituire Victor Osimhen. Tutti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *