Home / MOTORI / F1 / Chi ha vinto più Gran Premi in Formula Uno

Chi ha vinto più Gran Premi in Formula Uno

Sappiamo tutti alla perfezione come ci siano alcuni record che diventano impossibili da battere per chiunque. Anche e soprattutto nel mondo dello sport, ci sono dei primati che hanno tutti i crismi per diventare leggendari. E con buona pace degli appassionati di scommesse sportive che sfruttano tutti i bonus casino e che sono convinti che, prima o poi, qualcuno li possa battere.

Certo, i primati sono lì per quello, ovvero per essere battuti, ma servono tanti sacrifici e anche un talento importante. Talento che non manca certamente a uno dei piloti più forti di tutti i tempi, ovvero Lewis Hamilton.

La classifica dei piloti più vincenti di sempre

Inevitabile trovare al primo posto proprio il pilota inglese della Mercedes. Negli ultimi mesi è stato un tema particolarmente discusso, con i suoi detrattori che sostengono come Hamilton abbia vinto così tanto favorito dal fatto di avere una macchina notevolmente superiore rispetto a tutti gli altri. Verrebbe da rispondere come mai i suoi compagni di squadra non sono mai stati in grado di impensierirlo, ma probabilmente è molto più semplice riconoscere la grandezza di Hamilton.

Si tratta del pilota che ha vinto di più nella storia della F1. La classifica in questione la dice lunga e, dopo aver raggiunto quello che era il re di questa statistica, poco tempo fa, ecco che Hamilton è riuscito a sfondare pure quota 100, toccando un risultato clamoroso. Nel corso della sua carriera, infatti, Hamilton si è portato a casa la bellezza di 103 vittorie in Formula Uno.

Al secondo un vero e proprio idolo di tutti i tifosi della Rossa, ovvero Michael Schumacher, che si è imposto in ben 91 occasioni, anche se c’è da dire come tante vittorie sono state ottenute anche quando era alla guida della Benetton-Renault con cui ha vinto un titolo mondiale. Al terzo posto, sul gradino più basso del podio, ecco che troviamo un altro pilota molto amato dai tifosi in rosso che, però, ha raccontato molto meno di quanto previsto e auspicato una volta raggiunta la scuderia Ferrari. Stiamo facendo inevitabilmente riferimento a Sebastian Vettel, che di gare in F1 ne ha vinte ben 53.

Quanti mostri sacri fuori dal podio

Si potrebbero trovare tanti argomenti che spiegano questi numeri e di come ci sia questa differenza rispetto a piloti che hanno scritto pagine di storia della Formula Uno nel passato e nel corso del Novecento. Va detto, però, che al quarto e quinto posto troviamo davvero due leggende di questo sport.

Si tratta del pilota francese Alain Prost e del pilota di origini brasiliane Ayrton Senna. Il primo è riuscito a portarsi a casa ben 51 Gran Premi, mentre il secondo è arrivato a quota 41, dopo che un terribile incidente gli è costato la vita sul tracciato di Imola.

Poco più indietro troviamo un altro nome ben noto alla critica nel corso degli ultimi due decenni: si tratta di Fernando Alonso, che ha guidato anche la monoposto della Ferrari per qualche stagione, andando vicinissimo a un’impresa pazzesca, ovvero quella di vincere il titolo mondiale.

Nella top 10 troviamo altri mostri sacri della F1: si tratta di Nigel Mansell, fermo al settimo posto a quota 31 vittorie, poi Jackie Stewart, a quota 27 vittorie, due in più rispetto a Jim Clark, che ne ha collezionate nel corso della sua carriera ben 25, esattamente come quelle di Niki Lauda. L’ex ferrarista Kimi Raikkonen è al quindicesimo posto con 21 Gran Premi portati a casa, frutto anche dei suoi grandi anni in Ferrari, mentre Max Verstappen, nonostante la giovane età, ha già conquistato il diciassettesimo posto a quota 20 vittorie e scalerà senz’altro nella top ten in men che non si dica.

About Cristian La Rosa

Cristian La Rosa. Classe ’76, ama il calcio e lo sport in generale. Segue con passione il calcio internazionale e ha collaborato con alcuni web magazine. E' il fondatore e l’ideatore.

leggi anche

Venezia-Cagliari, solo la vittoria può salvare i sardi dalla Serie B

Il Venezia è retrocesso ma imbattuto da 6 gare contro il Cagliari, costretto, invece, a …