Home / Editoriali / Che domenica ‘Bestiale’

Che domenica ‘Bestiale’

Dal risveglio con vittoria di Charles Leclerc in Australia alla buonanotte firmata Danilo Petrucci: celebriamo in questa carrellata gli eroi di una domenica davvero bestiale.

Charles Leclerc – Pole position, vittoria e giro più veloce per il monegasco e la sua Ferrari F1-75. Max Verstappen, al netto del ritiro, non ha mai dato l’impressione di poterlo insidiare. Due vittorie su tre gare….l’alba della stagione 2022 è sicuramente rossa.

George Russell – In Australia ha conquistato il suo primo vero podio della carriera in Formula 1. Approdare in Mercedes subito dopo l’epoca dei trionfi sembra beffardo eppure il pilota inglese oltre che veloce si sta mostrando infinitamente caparbio. Per la gioia, naturalmente, di Lewis Hamilton. Che rimpiange Bottas o forse lo stesso Nico Rosberg.

Enea Bastianini – La sua gara iniziava a 7 giri dalla fine: è stato chirurgico, come in Qatar. In condizioni normali di gara ieri sarebbe stato l’unico a contendere la vittoria a Marc Marquez. Premesso sempre che corre con una Ducati 2021, per il titolo c’è anche lui.

Team Gresini Ducati, Enea Bastianini, MotoGP Qatar 2022 /Instagram.com/@bestia23

Andrea Migno e Dennis Foggia – Peccato che non abbiano vinto altrimenti per l’Italmoto sarebbe stata un’altra tripletta. Ma, forse per la prima volta da quando esiste la Moto3, abbiamo due alfieri nostrani in grado di lottare per il titolo.

Marc Marquez – Per fortuna degli altri è partito malissimo scivolando in fondo al gruppo. La rimonta è stata la miglior risposta a tutti i dubbi. Degli addetti ai lavori, non suoi.

Tony Arbolino – Prima vittoria nella categoria intermedia, un percorso il suo che sembra quello del predestinato (cit.). A proposito. Sia Tony sia Bastianini sono gestiti da Carlo Pernat e di certo non è una coincidenza.

Danilo Petrucci – Subito protagonista all’esordio nel campionato MotoAmerica, ad Austin: in sella alla Ducati Panigale V4-R domina Gara1 e si ripete in Gara2. Ricordando anche quanto fatto alla Dakar, merita una seconda possibilità in quella MotoGP che lo aveva scaricato troppo in fretta lo scorso anno.

Alvaro Bautista – Il figliol prodigo è tornato in Ducati per il Mondiale Superbike 2022. Ad Aragon ha perso Gara1 al fotofinish da quel cannibale di Jonathan Rea, poi ha fatto suoi Superpole Race, Gara2 e testa della classifica.

Lorenzo Baldassarri – Debutta in Supersport ad Aragon con la pole position. Vince Gara1 e per 30 millesimi non si ripete anche in Gara2. Chi ha detto lo scorso anno che era finito? E Occhio anche a Bulega (ieri 5°e 3°)

Romain Grosjean – A Long Beach, teatro della terza prova stagionale del campionato IndyCar, conquista un bel secondo posto dopo aver conteso la vittoria a Josef Newgarden. Ogni risultato ottenuto dal pilota franco svizzero dopo il GP del Bahrain 2020 è un miracolo, riportarlo è un dovere di cronaca.

About Francesco Tassi

'Uno che nasce in Emilia Romagna e impara a leggere su Autosprint ha il destino segnato. Giornalista de mutòr e ufficio stampa.'

leggi anche

Schumi, l’Armstrong del Cavallino Rampante

Il 21 luglio del 2002 Michael Schumacher firmava un nuovo record in Formula 1: vincere …