Home / HISTORY SPORT / Valentino Rossi, Assen e la Storia

Valentino Rossi, Assen e la Storia

Assen è l’Università,
Assen è la Storia,
Assen è Valentino Rossi con i suoi 8 trionfi. Il tracciato olandese rappresenta un autentico crocevia nella carriera del genio di Tavullia.

Edizione 2006.
Si corre come da tradizione ancora al sabato, è il 24 giugno. Nemmeno 48 ore prima Vale in una caduta ha rimediato due microfratture al polso destro. Partito ultimo (18°), al termine di una gara eroica chiude ottavo.

Passano 7 anni, Rossi è appena rientrato in Yamaha dopo un’amara esperienza in Ducati ed è alla caccia di un successo che lo rilanci pienamente, senza ombre, a distanza di ormai 1000 giorni dall’ultimo sigillo (gp Malesia 2010).

La lectio magistralis del Dottore ha una data precisa: sabato 29 giugno 2013. L’arrembante Marc Marquez quel giorno non può nulla e chiude secondo.

Lo stesso ordine d’arrivo si ripete nell’edizione 2015 ma stavolta tra i due si rompe definitivamente ciò che restava di un rapporto pericolosamente in bilico dopo lo scontro al gp d’Argentina.

Credit: MotoRefrain

Assen è il punto di non ritorno.

Entrata eccessiva di Marquez o furbata di Valentino?

Sta di fatto che il risultato scatena una reazione – da parte dello spagnolo – senza precedenti nella storia del motomondiale, scientifica e plateale al tempo stesso.

Passano altri due anni, è il 25 giugno 2017 e il Golden boy delle due ruote centra la vittoria numero 115 della carriera. L’ultima, al momento.

Da allora sono passati 70 GP e 4 anni ma, citando il sommo Guido Meda, stiamone certi che ‘Rossi c’è!’

About Francesco Tassi

'Uno che nasce in Emilia Romagna e impara a leggere su Autosprint ha il destino segnato. Giornalista de mutòr e ufficio stampa.'

leggi anche

Julio Velasco, il racconto del debutto italiano di 38 anni fa a Catania

Nel libro del giornalista Daniele Bartocci (premio Giovanni Arpino) il racconto del primo anno italiano …